Monatliches Archiv: März 2021

IOTA unveils beta version of Firefly

More than just a wallet: IOTA introduces beta version of Firefly

With Firefly, IOTA is to get more than just a new wallet: The new app is to form the basis of an IOTA-based ecosystem.

A little over a year ago, the IOTA community went into shock: attackers had managed to find a vulnerability in the IOTA wallet Trinity and steal MIOTA worth the equivalent of 2.3 million US dollars at the time. As it later turned out, the problem was with the third-party provider Moonpay, with which users could buy MIOTA by credit card via the Trinity Wallet. Now IOTA has sent Firefly, the official Trinity successor, into test operation.

IOTA: Firefly at the centre of the next crypto adoption wave?

This is according to an announcement by the IOTA Foundation on 22 March. According to the announcement, Firefly has now reached beta status and can be tested on the IOTA Testnet. Firefly is intended to form the basis for the next Bitcoin Up wave of crypto adoption: The app aims to provide users with easy access to the world of smart contracts – from DeFi to NFT. To achieve this goal, the IOTA Foundation has also released two new code libraries for the Rust programming language with Firefly, which developers can use to implement corresponding functions in the modular wallet. One of them, called „Stronghold“, enables the use of separate storage areas to protect sensitive data.

Otherwise, the range of functions in the beta version of Firefly is still very limited and offers little that other wallets do not. In the press release, the Foundation lists the basic functions of the Firefly beta:

  • Secure storage enclave: sensitive operations take place in isolated app storage
  • Encrypted backups: secure storage for private keys and other sensitive information
  • Reusable addresses: Simplification of the process to send and receive IOTA
  • Fast transactions: Transactions take only seconds to send and seconds to confirm
  • 24-word recovery phrases: a standard in crypto security and ease of use
  • Profiles and accounts: Flexibility in managing funds
  • Wallet portability: users can log in to the same Stronghold backup on different devices

For IOTA co-founder Dominik Schiener, the Firefly release marks a milestone:

This release marks the beginning of IOTA as a widely used app ecosystem. Firefly will introduce a new standard of usability and flexibility in the wallet space, where previously there were only a fairly limited number of offerings that revolved around a literal understanding of the term „wallet“.

Firefly is set to become an integral part of IOTA 1.5 – codenamed Chrysalis. Chrysalis is to be integrated into the IOTA mainnet later this year.

È „inevitabile“ che più leggende dell’investimento „abbraccino“ Bitcoin, dice Michael Saylor

L’investitore miliardario Howard Marks, co-fondatore della società di gestione patrimoniale Oaktree Capital da 140 miliardi di dollari, ha rivelato di aver cambiato idea sul bitcoin e ha persino sottolineato che la crescente domanda lo rende migliore di una valuta dei mercati emergenti.

„Qualcuno lo comprerà da loro ad un prezzo più alto“

Quando la popolarità del bitcoin è aumentata alla fine del 2017, ha attirato l’attenzione di Marks. Pochi mesi dopo, Marks ha rivelato che credeva che l’acquisto di bitcoin non era un investimento, ma era invece un commercio che „sarà dimostrato di non avere alcuna sostanza“. All’epoca, Marks ha sbattuto i Bitcoin Storm dicendo che stavano solo comprando credendo che „qualcuno lo comprerà da loro ad un prezzo più alto“.

In una recente intervista video con The Korea Economic Daily, il miliardario ha rivelato che inizialmente ha respinto BTC perché non ha un valore intrinseco, ma ha aggiunto che ci sono „un sacco di cose che la gente vuole e apprezza molto che non hanno valore intrinseco“, indicando oro, dipinti e diamanti come esempi.

Marks ha aggiunto che essere in grado di scambiare bitcoin istantaneamente lo rende un bene utile per le transazioni, dato che le banche non sono in grado di effettuare bonifici quando sono chiuse. Ha aggiunto che lo pseudonimato di bitcoin aumenta ulteriormente il caso di bitcoin, dato che „nessuno sa delle tue proprietà tranne te“ e i governi non possono saperlo.

Reagendo ai commenti di Marks, Michael Saylor, il CEO della società di business intelligence MicroStrategy, quotata al Nasdaq, ha detto che mentre il mondo cerca un negozio di valore per sostituire i negozi di valore tradizionali come l’oro e gli immobili, è „inevitabile che sempre più investitori di successo come Howard Marks stiano facendo per scoprire, ricercare e abbracciare bitcoin“.

Con il mondo intero alla ricerca di una riserva di valore per sostituire obbligazioni, oro, azioni, ETF, immobili e contanti, è inevitabile che sempre più investitori di successo come Howard Marks scoprano, cerchino e abbraccino #Bitcoin.

Arrivando fino all’emissione di debito per aggiungere più BTC

MicroStrategy ha già investito oltre 2 miliardi di dollari per comprare oltre 91.000 BTC, che ora valgono ben oltre 5 miliardi di dollari. L’azienda di Saylor è nota per l’acquisto ad ogni costo, arrivando fino all’emissione di debito per aggiungere più BTC alla sua tesoreria.

Marks, che è noto per investire in beni in difficoltà, ha detto che coloro che hanno acquistato BTC a 5.000 dollari sembrano aver preso la decisione giusta. Commentando la sua risposta iniziale alla criptovaluta, il miliardario ha detto che è stata una „reazione impulsiva senza informazioni e questo non è un buon modo di comportarsi“.

Ha aggiunto che ora ha „imparato quanto non so“. Bitcoin è attualmente scambiato a 55.000 dollari dopo essere sceso da un massimo storico sopra i 61.800 dollari all’inizio di questo mese. Come riportato, a gennaio Marks ha detto di essere „grato“ che suo figlio Andrew abbia investito in bitcoin e ha ammesso di dover cambiare la sua „visione scettica“.